Crea sito
You are currently browsing all posts tagged with 'scrivere'

Raccogliere

  • novembre 23, 2015 at 00:12

Quasi due mesi di latitanza…
Chiedo perdono.

Ottobre e novembre sono sempre al fulmicotone.
Corse pazze e pazze corse.
Nel frattempo la vita va avanti, le figlie crescono, io pure, le esperienze si moltiplicano e la riuscita della mia sopravvivenza è sempre all’ordine del giorno.

Famiglia, casa, lavoro, tre figlie in tre scuole diverse…
Per una poi che, come me, non sta in un angolo a guardare la vita scolastica della prole scorrerle davanti senza metterci le mani in pasta… fino ai gomiti.

Babet ha cominciato il suo tour de France mattutino, con un’ora circa di mezzi pubblici per andare e tornare dalla sua scuola media, scelta differentemente dalla sorella maggiore per l’ottima offerta formariva proposta.
Ho visto Babet barcollare di stanchezza più volte.
Ogni tanto è anche crollata.
La sua genetica assenza mentale è decisamente peggiorata, ormai mi sono rassegnata a lasciare messaggi nella segreteria telefonica del suo cervello.
Me ne farò una ragione. Nel frattempo è partita alla grande, con un sacco di compiti e un sacco di buona volontà nello studio.
Sono molto orgogliosa della mia piccola ologramma.

Canterina è in fase di orientamento scolastico.
Ha le idee molto chiare, così chiare che ha visitato un liceo con indirizzo agrario, un alberghiero, un istituto professionale con indirizzo grafico-visual/cinematografico, ha in lista ancora uno di scienze umane indirizzo psicopedagogico, un liceo musicale e il resto l’ho dimenticato volontariamente autosottoponendomi all’elettroshock e chiedendo di bruciare nel falò di capodanno tutti gli appunti e i volantini presi… amo le sorprese finali!

Nanà… è sempre Nanà, pepe nel culo kid, non sta ferma un secondo se non le spari, ma essendo io contro la caccia mi tocca scegliere tra il prenderla a testate sporadiche ed amarla così com’è, gioiosa, vivace e posseduta.

Nel frattempo la nostra evoluzione umana non dà segni di cedimento.
Guardo le bimbe, (una e mezza ormai donne), guardo me stessa, mi guardo intorno e sono orgogliosa del lavoro che stiamo facendo, delle persone che stiamo giorno dopo giorno diventando.
Amo le persone che incrociano la mia strada, amo gli amici che mi aiutano ad avere una visione più aperta della vita, con uno scambio continuo di aiuto e di amore.

Sono grata per tutto e…

E poi arriva Canterina che, nonostante i 13 anni quasi compiuti, mi scrive la Letterina a Gesù Bambino, per reggere ovviamente il gioco con le sorelle e probabilmente per esprimere, nero su bianco, ciò che ha nel cuore.
E il mio di cuore si apre… il sorriso si tatua sul mio volto per non venire più via e la gratitudine fa da regina nel mio animo di madre.
Una madre che con fatica e gioia ha seminato e sta seminando semi di Luce e Amore nei cuori delle figlie e che, ogni giorno, raccoglie molto molto molto di più.

<<Caro Gesù Bambino… Uèlla!
Grazie per avermi fatto passare un anno bellissimo. 365 giorni pieni di emozioni!!!

GRAZIE

Se non ti spiace vorrei aiutarti con i regali.
Mi piacerebbe rievere una bella dose extra di felicità, delle cuffie (che sono diverse dagli auricolari), tanto amore, che la mamma mi facesse impostare instagram, un po’ di pazienza, una bella dose di forza di volontà; delle carte degli Angeli tutte mie, solo con la mia energia, senza lo zampino della mamma e, infine, (ma non meno importante) un anno pieno di emozioni, nuove avventure, nuovi sogni, da vivere e condividere con amici, parenti, amori nuovi e nuovi amici!

Fa iniziare un periodo di cambiamento spirituale, ma anche cosciente, al mondo.
Fammi avere la forza di trovare un fiore in ogni cacca.
Fa che io sia il cambiamento che ho sempre voluto essere.
Fa che i desideri si avverino.
Fa di me e di tutte le altre persone una cosa migliore.
Con affetto, tua, con amore
Canterina        TiViBi

Il mondo ha bisogno di un sogno in cui credere…>>

Lascio immaginare cosa possa sgorgare dal mio cuore…

Tuasorellaincariola!!!!!

  • marzo 2, 2014 at 23:22

Santa polenta!!!

Non riesco più a entrare serenamente nel blog, cioè nel mio pannello di altervista.

Non mi tiene più la password….

Io già vado in fibrillazione quando succedono queste cose perchè ci devo perdere le ore, essendo assai ignorante in merito, e spesso non concludendo nulla.

La procedura per reinserire la password è corretta… ma non viene memorizzata e così sono sempre punto a capo!

Username o password non corretti.
Recupera Password.
Inviata Mail.
Torna di là.
Scrivi di qua.
Codici chapta a destra e codici chapta a sinistra.
Azzera password.
Azzera il mio segnale cerebrale.
Azzerra la mia pazienza.
Entra.
Trova il profilo che tutte le volte mi dimentico dov’è.
Reimposta la password.
Salva aggiornamenti.
Chiudi.
Riprova.

Username o password non corretti.

Fanculo a tua sorella!!!!!

Che sfinimento!

E non c’è neppure una mail dove mandare un messaggio disperato di richiesta invio  aiuti umanitari!

Giuro che piuttosto che perdere tempo così smetto di scrivere!!!

Orientamento al lavoro

  • gennaio 14, 2014 at 00:27

“Mamma, oggi a scuola abbiamo dovuto scrivere cosa vogliamo fare da grandi… Riguardo al lavoro che vorremmo fare, anzi ai lavori! Ogni giorno il lavoro che vuoi fare…”

“Wow! Babet! Che bello! Un compito sul lavoro che farai da grande? E tu cosa vuoi fare??”

“Mamma, ho portato a casa la brutta, poi te la leggo. L’ho portata a casa perchè la tengo, per tanti anni. Poi quando son grande, un giorno la leggo per vedere  e se sono le stesse cose… mi emoziono.”

“Bello tata! Dai, andatevi a lavare e dopo me lo leggi.”

Dopo una luuuuunga pausa per la toiletta arriva Nanà.
“Mamma! Anche io voglio scrivere tutti i lavori che faccio da grande! Dove lo scrivo?”

“Scrivilo sul tuo diario segreto, dai.”

“Occhei!”

Dopo poco torna e mi fa vedere il suo diario con disegno incorporato.
“IO DI LAVORO FACO LA BARISTA.”

“Fantastico Nanà… hai le idee chiare!”
Giunge Babet con un foglio.
“Patata! Dai leggi!”

Una mattina mi sveglierò e vedrò che non sono più una bambina, ma sarò adulta e dovrò andare a lavorare.
Come lavoro… anzi come lavori farò: il lunedì andrò a fare la maestra di nuoto qui nella piscina vicino alla scuola, il martedì farò la scultrice e lavorerò in Francia, il mercoledì farò la poetessa e scriverò una poesia sugli alberi e sarà lì che incontrerò il mio futuro sposo. Il giovedì andrò a fare la mia luna di miele alle maldive, venerdì farò la veterinaria e mi comprerò una fattoria in campagna. Il sabato e domenica viaggerò in alcuni paesi: Inidia, America, Australia, Cina, eccetera.
E avanti così per tutta la vita e riempirla di tante altre PASSIONI FANTASTICHE.

“Amore… ha ragione la maestra a scriverti: MERAVIGLIA!”